magazine-header
No. 34

Di casa in Toscana

«Il giapponese Hideyuki Miyakawa da giovane giramondo si è innamorato dell'Italia e ha deciso di restarci. I suoi vini raccontano il suo grande amore per questa terra e per la sua cultura. Per noi sono sempre affascinanti le diverse «lingue» in cui parlano i vini a seconda del luogo di origine. Nel nostro assortimento puoi scegliere vini da 34 Paesi. Ti auguriamo buon divertimento nel tuo personale viaggio di esplorazione nel mondo del vino.»

Renzo Und Dominic@2x

Dominic Blaesi & Renzo Schweri

Fondatori

magazine-cover

«Quando sono arrivato in Italia ho subito capito che si trattava di un luogo davvero speciale.» – Hideyuki Miyakawa

Come un giapponese ha trovato la propria felicità in Italia

La storia della vita di Hideyuki Miyakawa sembra quella di un film. Il film inizia nella città giapponese di Maebashi nel 1960. Due giovani studenti partono con le loro moto alla scoperta del mondo. Viaggiano per sei mesi attraverso India, Pakistan e Persia fino all'Europa. Arrivano a Roma puntuali per l'apertura dei Giochi Olimpici, ma i soldi sono pochi, il che induce i due esploratori a uno stop più lungo. Il ventiduenne Hideyuki inizia a lavorare come reporter per una rivista giapponese di auto. «Quando sono arrivato in Italia ho subito capito che si trattava di un luogo davvero speciale. Ovunque vedevo cultura, arte e stile», dice ripensandoci. Ad affascinarlo è stato soprattutto l'eleganza sobria del design italiano. In autunno si reca a Torino per il Salone dell'Automobile, per raccontare agli appassionati di auto del suo Paese le ultimissime tendenze. Il giovane e brillante giapponese attira subito l'attenzione. Prima di rendersene conto lavora a progetti leggendari per Ferrari e Fiat. Tuttavia, l'obiettivo dei suoi sogni non era ancora raggiunto. «Volevo vedere circolare queste auto anche nella mia patria», dice Hideyuki, «all’epoca le auto giapponesi mancavano di forza espressiva». Così decide di portare lo stile italiano nel Paese del sol levante. Con successo, dato che dieci anni dopo tutti i produttori di auto giapponesi utilizzavano carrozzerie italiane. Oggi il giapponese vive nella sua tenuta Bulichella in Toscana. È sempre affascinato dall'idea di portare nel mondo quanto di meglio e di più bello ci sia in Italia. Oggigiorno non sono più le auto dalla linea slanciata ma vini eleganti ed autentici. Ma anche questi hanno una marcia in più.

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

Il sogno diventato realtà della famiglia Miyakawa

È una consueta e grigia mattina del mese di novembre 1960 quando Hideyuki Miyakawa si reca a Torino per raccontare del Salone dell’Automobile. Quello che non immagina: quel giorno non incontra solo persone che dovrebbero segnare il suo futuro ma anche l’amore della sua vita. Maria Luisa Bassano lavora alla fiera dell’automobile come traduttrice per finanziarsi il suo anno di scambio in Giappone. Tra il reporter giapponese e la studentessa italiana scoppia l'amore al primo sguardo. Nel mesi successivi si incontrano spesso e Hidiyuki si immedesima nella cultura italiana: «Mi ricordo la prima volta in cui ho mangiato il risotto. Era strano. Per noi giapponesi il riso è sacro e deve sempre essere puro. Ma in poco tempo ho imparato ad apprezzare questo meraviglioso piatto italiano.» Questa disponibilità a farsi sempre coinvolgere da ciò che è sconosciuto per ampliare i propri orizzonti è una caratteristica della vita di Hideyuki. E infine arrivò la tenuta Bulichella. Hideyuki e sua moglie Maria Luisa decidono nei primi anni Ottanta di trasferirsi con i loro sette figli dalla città alla campagna. Desideravano una vita più lenta e vicina alla natura. Fin dall’inizio puntavano all’agricoltura biologica e all’epoca sono di gran lunga i primi. Oggi i Miyakawa si sentono profondamente radicati in Toscana. Un’occhiata all'etichetta del loro Rubino dice tutto: i cinghiali sono l’animale più rappresentativo della Toscana e non è ovviamente un caso che viene mostrata una coppia con sette cuccioli. Spiritosi, affabili e straordinari: brindiamo a questa inusuale famiglia di viticoltori.

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«Enfant Terrible o prodigio?»

Il Pinot nero con un pizzico di spensieratezza

Al giovane enologo Oliver Lemstra piace smuovere le acque del mondo del vino. Ad esempio, quando con un ampio sorriso versa del vino rosso nel suo muesli e dice: «Mi hanno sempre detto che la colazione è il pasto più importante della giornata». Essendo figlio di un viticoltore, il 22enne francese ha il vino nel suo DNA, come dice lui stesso. Essendo cresciuto in un vigneto in Borgogna,riconosce chiaramente il sapore di un eccellente Pinot Nero. Non c'è nulla da discutere. La situazione è diversa quando si tratta delle rigide abitudini che circondano la nostra cultura del bere. Qui Oliver ama testare i limiti: È consentito bere vino con la cannuccia? Certo, perché ciò che è permesso è ciò che piace! Cosa pensa il padre delle provocazioni dell'enfant terrible? «Oliver è uno spirito libero, non si preoccupa di ciò che gli altri pensano di lui. Entrambi impariamo l'uno dall'altro. Lui mi scioglie e io gli do una struttura». Questo rapporto si riflette nel Pinot Noir del Domaine d'O: una goccia qualitativamente elegante con un pizzico di spensieratezza! Non siamo sicuri se la O del nome stia per Oliver o per apprezzamento. Troviamo entrambe le cose adatte.

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«L'estate sarà frizzante!»

Il Meco giusto per ogni momento

L'aria mite accarezza dolcemente la nostra pelle, i raggi del sole fanno danzare gli ormoni della felicità. Profuma di erba appena tagliata, le api ronzano e all'occhio si offre un'abbondanza di colori. La tentazione e la seduzione sono nell'aria, tutto vuole essere provato. Viaggiamo, espandiamo i nostri orizzonti, a volte usciamo dalla nostra zona di comfort. Che si tratti di saltare nel lago ghiacciato di montagna o di flirtare nella piscina all'aperto. È il momento di godersi la vita in tutti i sensi… e lasciala frizzare! Ecco perché per noi l'estate è il momento degli spumanti. In un caldo pomeriggio d'estate ci rinfresca, in una festa sulla terrazza ci anima, a un appuntamento promettente garantisce dal bicchiere un ulteriore brulicare. Le giornate sono lunghe e c'è sempre qualcosa da festeggiare. Una bottiglia di spumante in frigo e sarai sempre pronto per una festa spontanea in giardino. Un brindisi all'estate e ai tanti piccoli momenti di gioia che ci regala! Così ricca e frizzante come le bollicine danzanti che salgono in un bicchiere di prosecco. Salute!

wine-bottlewine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«Maturo per l'isola?»

Questi vini portano il fascino di Maiorca nella tua casa

Molte ore di sole, coste spettacolari e baie paradisiache... L'isola di Maiorca è un luogo di benessere senza paragoni. Non solo per le persone in cerca di relax, ma anche per le viti. La posizione e il clima dell'isola sono ideali per una viticoltura di qualità. Sull'isola ci sono circa 80 cantine, ma Maiorca come regione vinicola è più che altro un consiglio per i conoscitori. Il motivo è ovvio: con circa 15 milioni di ospiti in vacanza all'anno, la maggior parte del vino di Maiorca viene consumato sull'isola stessa. Sì, non c'è niente di meglio che concludere una vacanza in un pittoresco villaggio di pescatori e gustare un bicchiere di vino locale a cena. Una delle cantine più sensazionali di Maiorca è Es Fangar. Si trova nella parte sud-orientale dell'isola. Esattamente, è lì che si trovano le baie da sogno. Qui, lontano dal trambusto turistico, potrai vivere il lato sognante di Maiorca. Quasi la metà della proprietà di Es Fangar è costituita da foreste mediterranee, dove la biodiversità viene promossa attivamente. Inoltre, l'azienda si affida all'energia solare e alla mobilità pulita. Es Fangar non fa tendenza solo in termini di sostenibilità, ma anche per la qualità dei suoi vini. La cantina è all'avanguardia e consente un lavoro preciso. È così che si producono vini intensi, vivaci e unici ai massimi livelli. Questo é il sapore delle vacanze!

wine-bottlewine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«Arte per tutti i sensi»

La Esporão Reserva e il lavoro di Jorge Queiroz

Herdade do Esporão è una delle cantine portoghesi più famose. Come quasi tutte le altre cantine, l'azienda promuove la creatività e il cambiamento. Questo è dimostrato in modo eccellente dai vini Reserva, il biglietto da visita di Esporão. Ogni anno l'etichetta viene ridisegnata da un artista. Nell'annata attuale, le opere sono di Jorge Queiroz. Il nativo di Lisbona è noto per i suoi disegni fantastici e stratificati. Quando li guardiamo, ci immergiamo nel nostro mondo di pensieri e scopriamo sempre nuove prospettive. Realizzare un'opera d'arte per una bottiglia di vino è stata una sfida speciale per Jorge Queiroz: «L'immagine sarà presente nelle situazioni più diverse. Questo dà al mio lavoro un'altra dimensione», spiega l'artista. L'immagine non è così sicura dell'attenzione di chi la guarda come in una mostra d'arte: «Voglio che l'etichetta diventi un argomento di conversazione». L'etichetta del vino come forma d'arte? In passato, serviva semplicemente a informare sul contenuto della bottiglia. Oggi il design visivo gioca innegabilmente un ruolo importante nell'acquisto e nel consumo di un vino. Il suo scopo è quello di suscitare sentimenti e aspettative. Il lavoro di Jorge Queiroz sull'Esporão Reserva ci porta alle origini del vino. Ci immergiamo nella millenaria cultura del bere e continuiamo a scrivere questa storia con il nostro momento individuale del vino.

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.