magazine-header
No. 26

¡Provocación, por favor!

«Ci piace conoscere nuove persone e regioni sconosciute. Perché non sedersi a tavola con un macho spagnolo o un potente lanciatore di coltelli? E lascia che le più belle destinazioni turistiche d'Europa arrivino semplicemente a casa tua, sotto forma di meravigliosi rosé.»

Renzo Und Dominic@2x

Dominic Blaesi & Renzo Schweri

Fondatori

magazine-cover

«Creativo nel collettivo»

Quando il Verdejo diventa un lanciatore di coltelli

Casa Rojo è riuscita a scuotere il mondo del vino spagnolo in soli 10 anni. La storia è iniziata nel 2007, quando la politica impegnata Laura Muñoz e il giovane enologo Jose Luis Gómez si sono innamorati. «Io e Laura avevamo un solo obiettivo: essere felici», dice Jose Luis guardandosi indietro. Libertà, amore, vino... ecco come è nato il loro sogno comune di una «enologia creativa» – senza una propria cantina, senza confini, senza restrizioni familiari.

Passo dopo passo, hanno creato un team unico, riunendo enologi, viticoltori, ingegneri, designer e giornalisti provenienti da tutta la Spagna. Con il nome di «The Wine Gurus» sono entrati insieme nel mondo del vino nel 2010. Nel loro bagaglio c'era un bel portafoglio di otto vini provenienti dai più diversi angoli vinicoli del paese. Non solo l'idea di un'azienda vinicola indipendente dalla località ha dato una bella botta ai tradizionalisti, ma anche le spiritose etichette sapevano come provocare. Una cosa piuttosto audace da fare, visto che l'enologia non va molto d'accordo con l'umorismo, almeno fino ad ora. La paura di non essere percepito come un viticoltore serio è probabilmente troppo grande.

Ma i guru del vino sono pienamente fedeli ai loro valori fondamentali di libertà e creatività: le loro etichette mostrano il carattere del rispettivo vino in modo non convenzionale ed esagerato. Il loro Verdejo di Rueda, ad esempio, chiamato «il grosso del circo», ha senza dubbio l'equilibrio, la precisione e la concentrazione di un lanciatore di coltelli. Sì, lascia davvero senza fiato. Invecchiato da lieviti pregiati, è più pieno di altri Verdejos e quindi è un compagno ideale per il pesce e le verdure grigliate. Il pubblico sarà entusiasta!

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

Forte e libero come un machoman

La viticoltura spagnola è sempre stata dominata da grandi produttori e potenti case tradizionali. Il giovane progetto di Laura Muñoz e Jose Luis Gómez contrasta questa situazione con una visione creativa e dimostra che le tradizioni non devono per forza essere polverose e pesanti. In meno di 10 anni, «The Wine Gurus» ha trovato numerosi seguaci, tra cui influenti critici del vino. Il Master of Wine britannico Tim Atkin, ad esempio, annovera il Machoman Monastrell tra i 100 migliori vini spagnoli.

Ma perché il vino si chiama Machoman? «Non siamo una vecchia famiglia di viticoltori, quindi non c'è un'eredità che ci obbliga. Ecco perché produciamo vini nel modo in cui ci piace. E li chiamiamo come ci pare», ci ha spiegato Jose Luis. Il vino è l'unica cosa al centro. Al posto del nome della famiglia, l'etichetta riporta una caricatura di Jose Luis. Anche lui è un macho? Ridendo, dice solo: «Per ragioni sconosciute, un amico giapponese ha iniziato a chiamarmi così...». In effetti, il carattere di un Monastrell difficilmente può essere rappresentato in modo più appropriato che sotto forma di un macho forte, massiccio e aspro. L'arte consiste nel trasformarlo in un compagno affascinante: Laura e Jose Luis ci sono riusciti. In effetti, si sono talmente appassionati a questo compito che nel 2015 hanno dichiarato Murcia il loro «domicilio vinicolo» permanente e hanno costruito la loro cantina, Casa Rojo. È l'inizio di una nuova tradizione?

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

«Saluti rosati dall'Europa»

Freschezza fruttata per le calde giornate estive

Possiamo viaggiare all'estero quest'estate o meglio di no? Questa domanda sarà presente nei nostri pensieri nelle prossime settimane. Nel frattempo, faremo in modo che le più belle destinazioni turistiche europee arrivino a casa tua. Perché un bicchiere di rosé ti fa sentire subito in vacanza. Ma come si riconosce un vino rosato davvero buono? Idealmente, convince con gli aromi di bacche dei suoi vitigni scuri, ma è leggero e fresco come un vino bianco. Come per tutti i vini, anche per il rosé c'è una grande scelta di varietà regionali da scoprire. Sei pronto per il «Tour de Rosé» attraverso l'Europa? Allora, brindiamo a un'estate indimenticabile!

magazine-header
La Lisbona

Saudações de Lisboa! La capitale del Portogallo ci saluta con questo gradevole rosé. La freschezza fruttata di Luã riporta alla memoria le strade tortuose, le facciate colorate, i panni svolazzanti nella brezza marina...

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Il Maiorchino

Pensi ancora a Maiorca come a una vacanza? Pensiamo solo ai «Twenty Twelve»! Cosa si ottiene quando un autoproclamato «maniaco della complessità» produce vino su un'isola di vacanza? Un rosé eccezionalmente complesso che è veramente piacevole.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Il Francese del Sud

Il Sud della Francia è la culla del rosé. Di conseguenza, ci si può aspettare molto, soprattutto quando il vino proviene dalle mani della famiglia Lafage. Meravigliosamente fresco, perfettamente equilibrato... Semplicemente un sogno per accompagnare una cucina mediterranea leggera.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Il Veneziano

Questa bollicina rosa è assolutamente padrona dell'arte della seduzione. Pensiamo a spensierate giornate estive sul Lago di Garda, al primo amore vacanziero, al gelato al lampone e alla menta, a risatine stuzzicanti e a tanti pizzicori. O mio dio!

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

Ora c'è anche il «favoloso» Riesling!

Il vino di culto del Douro riceve un «pendant» dalla Mosella

Chi non conosce il «Fabelhaft» con i divertenti disegni di Wilhelm Busch sull'etichetta? Il vino cult del Douro ha ora una controparte della Mosella. Perché? Perché l'enologo di «Fabelhaft» Dirk Niepoort ha sempre avuto un debole per il Riesling e suo figlio Daniel ha trovato una seconda casa nella Mosella.

Il pittoresco villaggio vinicolo di Piesport è davvero un luogo affascinante. La Mosella si snoda tra vecchi e ripidi vigneti... A prima vista, sembra che qui tutto sia rimasto come ai tempi di Wilhelm Busch, nel XIX secolo. All'epoca, i Riesling tedeschi erano considerati alla stregua dei vini rossi francesi – e anche molto più costosi. Riteniamo che sia giunto il momento di rilanciare la grande cultura del Riesling!

Insieme al giovane enologo Philipp Kettern di Piesport, i Niepoort producono Riesling che sembrano usciti da un libro illustrato. Il terroir e la tradizione incontrano la spensieratezza giovanile e questo ringiovanimento è davvero positivo per il Riesling. Gault&Miliau ha recentemente nominato il Riesling Fabelhaft «Scoperta dell'anno 2020». Non è un caso: fresco, sfacciato e fruttato, questo riesling è davveropiacevole da bere. Max e Moritz ne sarebbero entusiasti. Che si tratti di Mosella o di Douro, Niepoort è sicuramente in grado di creare fiumi da bere favolosi!

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«Piccola cantina, grande Barolo»

Convincente one-man-show su 6 ettari

Molti piemontesi diventano viticoltori perché ereditano un vigneto. Lorenzo Olivero è diventato enologo perché il vino lo affascinava. Ha studiato enologia all'Università di Torino e nel 2001 ha acquistato alcuni ettari di vigneto nel paese del Barolo, Roddi, insieme al padre Mario.

Per Lorenzo, produrre solo una piccola quantità non è un compromesso, ma una filosofia. Si definisce un «artigiano del vino», perché per Lorenzo fare il vino è un mestiere che richiede tempo, passione e precisione. Per questo motivo, si occupa da solo di ogni dettaglio della cantina. Sia nei vigneti che in cantina, il lavoro manuale è la carta vincente di Olivero Mario. «Le attrezzature costose e la tecnologia più avanzata non portano necessariamente al vino migliore», è convinto il 39enne enologo purosangue, «preferisco fidarmi del mio intuito e attribuire la massima importanza alla cura in ogni fase del lavoro». Il suo capolavoro è, ovviamente, il Barolo. La produzione annuale è di sole 2500-3000 bottiglie. Questo vino è una questione di cuore – ed è anche il suo sapore: aromi di amarene in salamoia, una bella speziatura dovuta al lungo invecchiamento in legno e deliziose note di violetta. Un vero e proprio consiglio da insider!

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.