Flaschenpost Logo

Il tuo carrello è vuoto.

Inizia e riempi il tuo carrello con i migliori vini.

Non sai da dove cominciare?

No. 40

Il giovane volto del Barolo

«Il Barolo è un vino che si beve per occasioni importanti. Più l’annata è vecchia, meglio è. Questo è quello che ci è sempre stato detto. Sorseggiare il vino con profonda riverenza… La giovane viticoltrice Federica Boffa ha deciso di svecchiare la sua immagine. I grandi vini piemontesi meritano senza dubbio la nostra ammirazione, perché sono vini di eccezionale qualità e ricchi di tradizione. Ma si può stare tranquilli. Così la gioia è doppia!»

Dominic Blaesi & Renzo Schweri

Fondatori

Bottiglia di Barolo DOCG di Pio Cesare

Premi

Robert Parker: 95/100, James Suckling: 94/100

«Non seguiamo i trend di mercato ma la tradizione di famiglia». – Federica Boffa Pio

Pio Cesare tra gioventù e tradizione

La venticinquenne Federica Boffa Pio è la viticoltrice italiana più giovane. «Sono nata sotto una buona stella», afferma la piemontese ridendo. Con questa frase non si riferisce alle circostanze astrologiche ma, da brava viticoltrice, all’ottima annata di nascita. Il 1997 è stato un anno straordinario per il Barolo, i cui vini sono considerati maturi, profondi e ben strutturati. Come Federica. Laureata in Economia Aziendale, Federica Boffa gestisce l’azienda di quasi 150 anni da due anni e mezzo. Ha sempre saputo che prima o poi avrebbe preso le redini dell’azienda famigliare, ma non avrebbe mai pensato che quel giorno sarebbe arrivato così presto… Nell’aprile del 2021 suo padre Pio Boffa è deceduto in seguito a complicazioni causate dal Covid-19. Federica non ha avuto il tempo per pensare se si sentisse pronta a succedergli o meno. Gli affari richiedevano che l'allora ventitreenne seguisse immediatamente le orme del padre. Da quel momento Federica ha affrontato questa impresa titanica con grande maestria. Può contare su una squadra ben collaudata: l'agronomo è parte dell’azienda da 20 anni e l'enologo non si perde una vendemmia dal 1981. Il consiglio di suo padre di non cedere alle mode passeggere ma di avere fiducia nella propria strada, ha influenzato particolarmente la produttrice. La sua missione non è quella di sconvolgere completamente il Barolo e la sua immagine, ma di modernizzarla un po': «Molti credono che il Barolo si abbini solo ai menù delle feste, ma credo che esprima il suo massimo potenziale abbinato a del pane fresco con un po' di olio d'oliva e parmigiano», dice la dinamica viticoltrice. Riteniamo che questa fresca leggerezza si addica perfettamente a questo grande classico.

Premi

Robert Parker: 95/100, James Suckling: 94/100

Bottiglia di Prélude à Grand Puy Ducasse Pauillac AOC di Château Grand-Puy DucasseBottiglia di Château Grand-Puy Ducasse 5eme Cru Classe Pauillac di Château Grand-Puy Ducasse

Premi

Prélude à Grand-Puy Ducasse Pauillac AOC 2018: Decanter 91/100 // Château Grand-Puy Ducasse 5ème Cru Classé Pauillac 2018: James Suckling 94/100, Robert Parker 93/100, WineSpectator 93/100, Jancis Robinson 16.5/20

«Il fuoriclasse di Bordeaux, il Grand-Puy Ducasse»

Raggiungere l’eccellenza grazie al «Rinascimento»

Il Château Grand-Puy Ducasse sorge sul molo di Pauillac, a metà strada tra l’oceano Atlantico e Bordeaux, sulle rive della Gironda. Quando Anne de Naour varcò per la prima volta la soglia della tenuta nel 2005, l’antica dimora era nascosta da un velo di polvere. A differenza dei nobili vicini Mouton-Rothschild e Lafite-Rothschild, la casa fondata nel 1675 aveva perso parte del suo antico splendore.

Ma da quel momento tira un’aria completamente diversa: la nuova ambiziosa dirigenza, in collaborazione con l’enologa parigina di successo, ha escogitato un piano per consolidare lo status della tenuta presente nella classificazione ufficiale dei vini di Bordeaux redatta nel 1855. Il cuore del cosiddetto "Rinascimento" è la nuova cantina. Se da un lato la ristrutturazione ha introdotto tecnologie all'avanguardia nello storico Château, dall'altro l'antico viene onorato e integrato al moderno. Invece di cacciare le rondini incontrate durante i lavori di costruzione, gli inquilini piumati sono stati trasferiti nella tenuta per preservare la biodiversità. Grand-Puy Ducasse si convertirà gradualmente a un'attività 100% biologica entro il 2025, giusto in tempo per il 350° anniversario del mito del Médoc. Presto anche le camere dello Château saranno pronte ad accogliere gli ospiti, mentre i Cru diffonderanno la reputazione rafforzata della dinastia Ducasse nel mondo del vino. Ispirati dal timbro musicale di questa terra prestigiosa.

Premi

Prélude à Grand-Puy Ducasse Pauillac AOC 2018: Decanter 91/100 // Château Grand-Puy Ducasse 5ème Cru Classé Pauillac 2018: James Suckling 94/100, Robert Parker 93/100, WineSpectator 93/100, Jancis Robinson 16.5/20

Bottiglia di Onoro O Old Vines Primitivo Puglia IGT di Onoro

«La nostra ricetta per un inverno piacevole»

Il Primitivo Onoro O e il comfort food alla Romy

Quando la nebbia avvolge le case e l’aria fredda cerca di penetrare le spesse giacche invernali, è il momento ideale per trascorrere delle tranquille serate a casa. Coccoliamo il corpo e l’anima con cibi caldi e nutrienti e un bicchiere di vino ci trasmette il calore del sole. Ci sediamo intorno a un tavolo con le persone care e ci scambiamo opinioni su Dio e il mondo… Questi sono i momenti più preziosi.

Abbiamo chiesto a Pascal Ralo, chef e proprietario del Ristorante Romy situato a Berna, in Svizzera, la ricetta del suo fenomenale spezzatino di carne. La cucina del giovane talento è ispirata alle ricette delle sue nonne di origini austriache e portoghesi. Piatti sostanziosi, raffinati e preparati con amore… e che mettono tutti d’accordo. Una tappa al Romy è obbligata. Oppure prova la nostra ricetta!

Spezzatino alla Romy

Ingredienti:

  • 850g Spezzatino di manzo (es. spalla)

  • 3 Cipolle, tagliate a listarelle

  • 1 Aglio, schiacciato

  • 1 1/2 cucchiaio Concentrato di pomodoro

  • 1 cucchiaino Semi di cumino

  • 1 cucchiaio Paprika dolce

  • 1 cucchiaino Maggiorana essiccata

  • 150ml Vino bianco

  • 400ml Brodo di carne

  • 150g Panna  

  • 100g Crème fraîche

  • 5 rametti di Timo

  • 2 Foglie di alloro

  • Sale e pepe

Per guarnire:

  • 10g Erba cipollina, tritata finemente

  • 1 Peperone, tagliato a listarelle  

Preparazione:

Versare l’olio in una padella e rosolare la carne su tutti i lati. Aggiungere le cipolle e l’aglio. Aggiungere la paprika in polvere, il cumino, il concentrato di pomodoro e tostare brevemente il tutto.
Sfumare con il vino bianco. Portare a ebollizione e deglassare il fondo di cottura. Aggiungere il brodo di carne, la panna, la maggiorana, le foglie di alloro e cuocere a fuoco lento.
Dopo 45 minuti, aggiungere la crème fraîche. Lasciare sobbollire per altri 30 minuti finché la carne non risulterà tenera. Togliere la carne, il timo e le foglie di alloro e frullare la salsa. Aggiungere la carne alla salsa.
Rosolare brevemente il peperone e disporlo sullo spezzatino. Decorare con l’erba cipollina tritata.

«Lo spezzatino è una mia rivisitazione della ricetta segreta di mia nonna austriaca»

Pascal Ralo

Capo chef del ristorante Romy

Bottiglia di Champagne Meunier Perpétuel Extra Brut AC di Delouvin Nowack

«Massima eleganza, minima quantità»

Lo straordinario champagne della Famiglia Delouvin

La maggior parte delle persone associa subito lo champagne ad alcuni marchi di prestigio. Pensano alle celebrità di Infinity Pool, agli uomini d'affari a una festa di networking o a James Bond a letto con la sua amante. Oltre al mondo del glamour, dello sfarzo e della grandezza, lo champagne ha anche un lato altrettanto raffinato ma molto più calmo e meno conosciuto: quello dei piccoli produttori che lavorano secondo la tradizione artigianale. Utilizzano esclusivamente uve provenienti dai propri vigneti e attribuiscono particolare importanza all'espressione del terroir. Il risultato di questo lavoro minuzioso secondo i più alti criteri di qualità è un prodotto di lusso che colpisce per la sua unicità e precisione.

Tra questi produttori artigianali, la famiglia Delouvin ci ha particolarmente convinto. Geoffrey Delouvin produce circa 60.000 bottiglie di champagne all'anno da sette ettari di terreni. I suoi vigneti, suddivisi in 36 parcelle, si trovano nella zona Cru di Vandières, nel cuore della valle della Marna. Si tratta principalmente di vecchie viti di Pinot Meunier, che Delouvin coltiva con grande passione da 11 generazioni. Delouvin, che è stato premiato come «Jeune Talent du Champagne» nel 2018, ricava da queste viti i suoi spumanti unici. Il «Meunier Perpétuel» si basa per il 50% su una riserva di Solera costituita da tutte le vendemmie dal 1992. Delouvin la miscela con l'annata corrente per creare uno champagne dalle mille sfaccettature. Questo metodo elaborato garantisce un corpo equilibrato e aromi complessi di brioche e mandorle tostate. Un vero lusso!

Rarità: piccola casa di champagne con una produzione molto limitata.

Bottiglia di Cair Ribera del Duero DO di Dominio de CairBottiglia di Tierras de Cair Ribera del Duero DO di Dominio de Cair

«Cair e la magia del terroir»

Il successo del Ribera del Duero

Juan Luis Cañas ha le idee molto chiare su quale sia il requisito più importante per un ottimo vino: «È necessario un terroir eccellente». L’ingegnere agrario ha girato in lungo e in largo la regione del Ribera del Duero, finché non ha trovato il vigneto dei suoi sogni a La Aguilera: vigne vecchie, alcune delle quali hanno più di 100 anni, situate su un altopiano calcareo a un’altitudine compresa tra gli 830 e i 950 metri sul livello del mare. Sì, questa è musica per le orecchie di un appassionato del vino! Qui, Juan Luis Cañas ha costruito nel 2008 la sua moderna bodega, dove tutto è orientato alla vinificazione delle uve nelle migliori condizioni possibili. I vini ottenuti sono dei Ribera del Duero densi e di carattere. In pochi anni, la cantina ha raggiunto un successo nazionale e internazionale. Ma Cañas non si adagia sugli allori e osa addirittura modificare i metodi di vinificazione collaudati per ottenere risultati ancora migliori. È il caso anche del nostro vino preferito, il Cair, che con la nuova annata ha assunto uno stile più fresco: le uve vengono raccolte prima, macerate più a lungo e maturate in botti più grandi, che permettono di esprimere meglio la purezza del frutto. Risultato: un Cair ricco di vitalità! Nos gusta mucho…

I nostri topseller