Flaschenpost Logo

Il tuo carrello è vuoto.

Inizia e riempi il tuo carrello con i migliori vini.

Non sai da dove cominciare?

No. 37

Vini con ampie vedute

«Come si fa a combinare il piacere del vino con le massime prestazioni sportive? Come si concilia il silenzio delle montagne con il glamour del mondo del vino? Gianluca Viberti mostra un certo fascino sia come persona sia come enologo. Nei vini di Viberti, appassionato di alpinismo e sci alpinismo, si può ritrovare la precisione dello scalatore e l'elasticità necessaria per lo sci fuoripista... Sì, è proprio così, quando si beve si sente il grido di gioia di chi raggiunge la vetta. Speriamo che la lettura sia piacevole e che si possano scoprire nuovi dettagli sul mondo del vino!»

Dominic Blaesi & Renzo Schweri

Fondatori

Bottiglia di Casina Bric Ansi Arneis di 460 Casina Bric

«Se si vuole produrre un buon vino, bisogna avere la visione di un alpinista.» – Gianluca Viberti

460 Casina Bric in cammino verso nuovi traguardi

Gianluca Viberti è un personaggio affascinante e un enologo dalla forma fisica perfetta. Cresciuto in un vigneto in Piemonte, Gianluca già da ragazzo aveva una gran voglia di muoversi. Poiché dopo la scuola doveva lavorare nella cantina o nella trattoria di famiglia, non aveva molto tempo per gli hobby. Il ragazzo era molto vivace e mostrava anche una certa "creatività": con l'autobus si faceva portare a casa solo la borsa della scuola, e faceva di corsa i 17 chilometri di salita. I genitori non ne sapevano nulla, l'autista dell'autobus era il suo complice. Ancora oggi l'enologo va sulle Alpi quando ha un po' di tempo libero. Corsa in montagna, arrampicata, mountain bike, sci alpinismo... Gianluca Viberti è sempre alla ricerca di una sfida. "Le montagne mi hanno insegnato a sollevare lo sguardo e osservare da vicino ciò che mi circonda", dice l'enologo sportivo, e con uno sguardo riflessivo aggiunge: "È proprio l'opposto di quello che facciamo spesso oggi quando fissiamo i nostri smartphone". Per lui l'alpinismo è una scuola di vita: "L'arte è pianificare in anticipo. Nel fare questo non bisogna mai perdere la concentrazione e la determinazione". Gianluca applica questi principi nella vinificazione, perché anche in vigna, anche se il terroir e le tecniche sono conosciuti, la natura può riservare imprevisti in qualsiasi momento. Proprio come l'alpinista, il viticoltore deve saper "leggere" la natura, anticipare i possibili problemi con un'osservazione attenta, trovare le varianti migliori e spesso percorrere nuove strade, evitando di perdere di vista l'equilibrio. E la ricompensa alla fine della salita? Vini che ispirano, molto equilibrati, freschi e decisi. Il nostro contributo nel libro di vetta della 460 Casina Bric: Che vista mozzafiato... Torneremo il prossimo fine settimana!

Nelle parole del produttore

Gianluca Viberti ti presenta i suoi due vini nel video.

Bottiglia di Ansì Rosso Langhe DOC di 460 Casina Bric

Un appello all'unicità

«Nessuno ha bisogno di copie», afferma con enfasi Gianluca Viberti. Per lui conta solo l'unicità, il vero carattere. Si può fare un paragone con noi umani: i caratteri delle persone e l'originalità dei paesi si mescolano in ogni comunità. Sono occasioni per ampliare gli orizzonti e per raccontare numerose storie che le persone si divertono a ripetere. I grandi vini originali del Piemonte si chiamano Nebbiolo, Barbera e Arneis. «Il Nebbiolo si sente semplicemente a casa nel clima e nel territorio piemontese», ci dice Gianluca, riferendosi ai numerosi tentativi falliti di coltivare il vitigno altrove. Tratta le uve con la stessa cura e quasi con riverenza: «Il mio compito più importante in cantina è quello di non rovinare gli ingredienti». Chiunque visiti la cantina di 460 Casina Bric rimane sorpreso dalla pulizia meticolosa. La spiegazione arriva subito: «Per me la cantina è la continuazione di una cucina. Mia madre era una cuoca, ho imparato presto che la pulizia e il trattamento delicato degli ingredienti sono molto importanti». Per questo Gianluca ha fatto realizzare tutte le botti su misura e persino inventato un dispositivo per evitare la pressione e le pompe durante il travaso. Imbottiglia vini con un'identità chiara. Si capisce l'approccio serio dell'enologo sul carattere dei vini quando si parla di premi: «Non assegno nessun voto o punto per il carattere!». Posso solo scoprire da solo se una persona mi piace. Con il vino non è diverso. Quindi, parafrasando Kant, potremmo dire: «Abbiate il coraggio di usare il vostro gusto!». Dopo tutto, siamo tutti unici e abbiamo percezioni diverse. E questo è un bene, perché rende il mondo (del vino) vario e stimolante.

Bottiglia di Macho Man Monastrell Jumilla DO di Casa Rojo

«¡Amor y libertad!»

Casa Rojo – quando l'amore si trasforma in vino

Il successo di Casa Rojo inizia nel 2007, quando si incontrano Laura Muñoz, attivista di professione e il giovane enologo José Luis Gómez. I due volevano essere liberi e non vincolati a un'azienda vinicola. Hanno iniziato così a ripensare la produzione del vino. Passo dopo passo hanno creato un team unico che riunisce sommelier, designer e produttori di vino da tutta la Spagna, per unire le forze. Insieme hanno come obiettivo un'«enologia creativa» che non conosce confini. Oggi Casa Rojo offre vini provenienti dai migliori vigneti del paese: dal Godello della Galizia al Monastrell di Murcia. Era una provocazione non solo l'idea di un'azienda vinicola indipendente dal luogo, ma anche le etichette spiritose. «Non siamo una vecchia famiglia di viticoltori, quindi non c'è un'eredità da mantenere. Ecco perché produciamo i vini come più ci piace. E li chiamiamo come ci pare», spiega José Luis. A Casa Rojo, il potente Monastrell diventa un «macho man», un «ragazzo» dalle spalle larghe e dal cuore tenero. L'etichetta riporta una caricatura di José Luis... Il vino è diventato il biglietto da visita di Casa Rojo. Ora anche Laura con «Tintafina» ha meritatamente ottenuto il suo vino. Il «Machoman» José Luis scrive sull'etichetta: «Dedicato a mia moglie Laura, senza la quale questo sogno non sarebbe stato possibile». Tintafina è un vino più delicato, ma ha molto temperamento e si presenta sicuro di sé. Chi li prova per accompagnare delle buone pietanze rimarrà a bocca aperta. Come José Luis nel 2007...

Bottiglia di Pirú Gran Corte di PirúBottiglia di Pirú Torrontés di Pirú

«Cuore selvaggio»

Imponente, autentico, primitivo – un omaggio alle Ande

Se il vino di Pirú avesse un volto, sarebbe la carnagione di un gaucho. Simile al cuoio, abbronzata dal sole, con solchi che ricordano gli altipiani polverosi dell'Argentina nord-occidentale. «Escuchame», diceva, ascolta attentamente! Guardava il fuoco con occhi vivaci e filosofeggiava su quanto la vita sembri piccola quando sopra di noi svettano imponenti cime andine, come il Cerro de los Siete Colores, sui cui fianchi sfumati si intrecciano le radici delle viti di Pirú. Diversi strati minerali immergono il massiccio in estrose sfumature di colore, dal grigio cenere fino al rosso Bordeaux, passando per il nero metallico. Il gaucho raccontava di emigranti che avevano portato competenze enologiche attraverso l'Atlantico. In primo luogo quelli italiani. In termini di produzione di vino, sono ciò che l'Argentina è diventata di recente sul campo di calcio: Campioni del Mondo! Poi i francesi. Non a caso, l'Argentina ama celebrare Buenos Aires come la «Parigi dell'emisfero meridionale». Deve il suo vitigno paradisiaco, il Malbec, alla Grande Nation. Ci vuole un certo temperamento latino argentino per domare questo mustang selvaggio e tannico tra i vitigni. I vini di Pirú combinano le influenze del terroir e della tecnologia per creare vini emozionali, possenti e dal frutto intenso, le cui caratteristiche sono inconfondibilmente influenzate dalle Ande, ma che riflettono anche la raffinatezza europea.

Bottiglia di Monnalisa Sangiovese Superiore Romagna DOC di Cantine Leonardo da Vinci

Premi

«Un sorriso per favore!»

La Gioconda sotto forma di vino: il nuovo gioiellino

Veni, vidi, da Vinci: ciò che le mani del genio universale di Leonardo hanno toccato si è rivelato un grande successo. Solo grazie alla Gioconda, ancora oggi, a distanza di mezzo millennio, prendiamo come punto di riferimento la sua eredità creativa. «La sete di conoscenza di Da Vinci, l'autenticità e il coraggio di contravvenire alle convenzioni sono tanto stimolanti quanto intramontabili», spiega Mark Henderson, che si muove sulla scena newyorkese con uno skateboard sotto le scarpe, una bomboletta spray in una mano e una fotocamera digitale nell'altra. Ora si contrappongono la Street Art e il Rinascimento italiano: le Cantine Leonardo da Vinci hanno affidato a Henderson il visual design dell'interpretazione enologica della «Gioconda». Il design riesce a catturare l'attenzione. Stampato direttamente sul vetro, colorato e in stile graffiti, rompe le convenzioni sotto molti punti di vista... Questo Sangiovese avrebbe probabilmente provocato in Leonardo da Vinci un sorriso altrettanto aggraziato di quello che dipinse sulle guance della nobildonna Lisa Gherardini. Da Vinci era figlio di una famiglia di viticoltori. La cantina che oggi porta il suo nome si trova a pochi passi dalla residenza di famiglia a Vinci. La vinificazione si riferisce in realtà alle lettere scritte dal maestro ai suoi genitori, in cui aveva messo tutta l'energia creativa nel dare consigli sulla produzione del vino. Geniale, vero?

Premi

I nostri topseller