magazine-header
No. 33

Sull'onda del successo

«Chi è assolutamente convinto non può essere fermato né dal vento né dal tempo. L'eroe del nostro titolo lo fa; una tempesta aveva distrutto il suo primo vigneto, ma l'appassionato surfista non si è arreso e oggi veleggia sull'onda del successo dei suoi vini. Quando abbiamo creato Flaschenpost, il nostro obiettivo era quello di rendere disponibili tutti i vini del mondo in un unico luogo. C'è infatti così tanto da scoprire nel mondo del vino. Avresti mai immaginato che alle Azzorre, in mezzo all'Oceano Atlantico viene prodotto un vino davvero buono?»

Renzo Und Dominic@2x

Dominic Blaesi & Renzo Schweri

Fondatori

magazine-cover

«I nostri vini sono fatti dal mare» – António Maçanita

Gocce straordinarie nel cuore dell'Atlantico

In realtà, tutto è iniziato con una disavventura... A 20 anni, António Maçanita aveva solo una cosa in testa: fare surf. Voleva studiare biologia marina ma a causa di un pasticcio con i numeri del corso finì per errore ad agraria. Un segno del destino? In ogni caso, si è rimboccato le maniche e oggi il surfista cavalca l'onda del successo dei suoi vini. Il mare è comunque rimasto il punto focale della sua vita. Antonio produce infatti il vino alle Azzorre. Il gruppo di isole appartenenti al Portogallo situate in mezzo all'Atlantico è un paradiso naturale, che la maggior parte delle persone conosce solo per la «meteo». Infatti, l'area di alta pressione che porta lo stesso nome è determinante per il nostro tempo meteorologico. Alle Azzorre si ha l'impressione che tutte le forze della natura siano presenti in forme estreme: pioggia e luce del sole si alternano spesso, la maggior parte delle volte il vento frusta la terra, il mare si scatena, i vulcani ribollono e i terremoti scuotono la terra. Si tratta senza dubbio di un luogo estremo nel quale produrre vino. Questo Antonio lo ha sperimentato di persona. Nella spavalderia giovanile, quando era uno studente, piantò un piccolo vigneto. Ancora prima del primo raccolto, un violenta tempesta colpì il paese distruggendo tutto. «È stato come se un potere superiore mi volesse dire: torna indietro quando sei pronto», racconta António. Dopo andò nella Napa Valley californiana, a Bordeaux e sulla terraferma portoghese. Dopo 10 anni, si sentì pronto a provare qualcosa di nuovo e così, nel 2014, insieme a due amici fondò la Azores Wine Company. Da allora hanno restaurato diversi antichi vigneti a Vulkan Pico. E le forze della natura ora lo premiano con vini freschi e assolutamente straordinari.


Premi

Robert Parker: 91/100 punti


wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.


Premi

Robert Parker: 91/100 punti


Tanto vento fresco dalla Azzorre

António Maçanita è un viticoltore che sconfigge le onde alte. Non aveva neppure compiuto 40 anni quando venne scelto in Portogallo come «Winemaker of the Year». La sua strategia vincente? Dove gli altri non osano, António vede una sfida. Sia che si tratti di una tavola da surf tra le selvagge onde dell'Atlantico, come giocatore di rugby durante la corsa contro il muro avversario o come viticoltore in una regionein cui la coltivazione è difficile. Un tempo le Azzorre erano una regione vinicola di fama mondiale. I suoi vini bianchi erano molto apprezzati nelle case nobiliari europee. Poi, a un certo punto la viticoltura subì una battuta d'arresto finendo progressivamente nell'oblio. Il lavoro nel bel mezzo dell'Atlantico era troppo faticoso e imprevedibile. I vigneti sull'isola vulcanico di Pico sono assolutamente straordinari: per poter piantare la vite, gli abitanti dell'isola hanno dovuto innanzitutto spezzare lo strato lavico. Dai frammenti di roccia neri sono stati creati dei muri. I centenari «Currais» proteggono le piante dal violento vento dell'Atlantico. Una distanza dai 50 ai 300 metri separa le viti di António dal mare fragoroso. La schiuma e il vento portano l'acqua salata del mare nei vigneti, conferendo effettivamente al vino una nota salata. «I nostri vini sono straordinari, puri, freschi, provocanti e con una pizzico di sale... proprio come la vita!» dice António con un vigore che fa salire il nostro barometro del buonumore! Il suo Verdelho è il nostro nuovo anticiclone delle Azzorre!


Premi

Robert Parker: 92/100 punti


wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.


Premi

Robert Parker: 92/100 punti


magazine-cover

«Bellissimo... Oh Yeah!»

Dieter Meier affascina come persona e come enologo

Con canzoni come «The Race», «Oh Yeah» o «Bostich», Dieter Meier e la sua band Yello hanno dato forma agli inizi della musica elettronica. Ma non era solo in anticipo sui tempi come musicista. Dieter Meier è e rimane un visionario che si reinventa costantemente. Così oggi è conosciuto come artista, attore, scrittore, viticoltore, allevatore di bestiame, cioccolatiere, ristoratore.... Con così tante professioni e vocazioni, ci si immagina subito un uomo che corre da un posto all'altro. Ma non è così! Dieter Meier vive per mesi e mesi nell'isolamento della sua fattoria nella pampa argentina, dove – come dice lui – è «meravigliosamente noioso». Lì, il bon vivant trova il tempo e lo spazio per covare nuove idee. Ha una visione chiara per la sua azienda: «Il nostro obiettivo è produrre i migliori vini biologici del mondo – e questo è possibile in Argentina!» dice il giramondo. Il paese lo ha affascinato fin dalla sua prima visita in giovane età. Nel 1997 ha acquistato la storica fattoria «Ojo de Agua» e ha iniziato a produrre carne biologica e vino biologico. A quel tempo, l'agricoltura biologica era ancora agli inizi. Da allora, i vini di Dieter Meier hanno fatto il giro del mondo come i leggendari Beats e i testi di Yello. Da tempo sono diventati un fenomeno, proprio come il loro creatore.


Premi

James Suckling: 91/100 punti


wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.


Premi

James Suckling: 91/100 punti


magazine-cover

«All'amicizia!»

Il dream team per la condivisione

È divertente, stimolante, accogliente e sicuramente un grande pezzo di felicità: la spensieratezza di stare insieme a un gruppo variopinto di persone simpatiche. Troviamo così arricchente condividere un vino con personalità diverse, ascoltare le loro storie e ridere fino alle lacrime. I nostri vini «Ricco» sono proprio quello che fa per te, offrendo qualcosa per tutti. La regina dei selfie vorrà sicuramente postare una foto con la bottiglia casual. I dubbiosi del gruppo troveranno da ridire sul fatto che Luca Maroni abbia dato «solo» 98 e non 100 punti. L'autista sarà molto seccato di essersi offerto volontario come taxi proprio oggi. L’intenditore di vino approfondirà i vantaggi del metodo dell'Appassimento in una lezione spontanea. A questo punto il re della festa lo interrompe e pensa che l'importante sia semplicemente che il vino abbia un buon sapore. La romantica non se ne accorge, perché sta ricordando malinconicamente il suo flirt pugliese delle vacanze e fissa il bicchiere di vino con sguardo rapito, finché la zia affranta dal dolore non le chiede se va tutto bene. Nel frattempo, il maldestro rovescia già il primo bicchiere. Il che dispiace anche al bevitore di birra del gruppo, perché per lui questo vino ha un sapore davvero buono. Sì, i «Riccos» sono dei veri e propri tuttofare. Non solo si abbinano bene con tutto dal punto di vista culinario, ma riescono anche a combinare in modo giocoso personalità vinicole molto diverse. Il nostro dream team per le grandi occasioni senza complicazioni!


Premi

Riccobianco – Luca Maroni: 96/99 punti, Riccorosso – Luca Maroni: 98/99 punti


wine-bottlewine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.


Premi

Riccobianco – Luca Maroni: 96/99 punti, Riccorosso – Luca Maroni: 98/99 punti


magazine-cover

«Oh mio Godello!»

Il nostro ritrovamento di oro nel nord-ovest della Spagna

Noi del team Flaschenpost siamo sempre alla ricerca di nuove ed entusiasmanti esperienze vinicole. Ci piace particolarmente uscire dai sentieri battuti. Il nostro sesto senso per i vini bianchi pregiati ci ha portato di recente nella regione vinicola piuttosto sconosciuta del Bierzo, nella Spagna nord-occidentale. Ma non ci aspettavamo di trovare subito un nuovo vino preferito. Tuttavia, la regione suscitava già l'euforia degli antichi Romani, che vi gestivano la più importante miniera d'oro dell'Impero Romano. Oggi, il vigneto Gancedo si trova molto vicino a questa miniera d'oro. Per la famiglia Cerejio è ovvio che il loro terreno vale oro. Lo considerano la base di un'uva sana e gustosa. Di conseguenza, i vigneti sono coltivati in modo delicato e vicino alla natura. José Cerejio è convinto che questo sia l'unico modo per «estrarre l'oro dall'uva». Lui lo sa bene, visto che ha lavorato come ingegnere nel settore minerario fino alla pensione. Questo vino bianco della varietà Godello, tipica del nord della Spagna, è meravigliosamente equilibrato: Freschezza, fruttuosità e potenza mantengono un equilibrio perfetto. Un vero gioiello di vino!

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«Il vino è il suo annuario di vita.»

Come Christoph Edelbauer attinge pienamente dalla natura

«Amo la natura, la sua bellezza, la sua potenza, ma anche la sua imprevedibilità», afferma Christoph Edelbauer. Mentre altri viticoltori temono il tempo capriccioso e sperano in condizioni climatiche costanti, il giovane austriaco lo vede come un'opportunità per «sperimentare la natura con tutti i sensi e attingere da essa». È questo approccio creativo e vivace che caratterizza il lavoro del convinto viticoltore biologico: «La viticoltura è come un'avventura che ricomincia ogni anno. Ansioso come un bambino ti chiedi se l'inverno sarà nevoso. Se la primavera sarà umida e se una gelata tardiva ci sorprenderà. E che dire dell'estate? Il sole solleticherà il meglio dell'uva?». Tutte le esperienze di un anno sono conservate nelle bacche, dice Christoph Edelbauer. Per questo motivo, il suo compito di enologo è quello di riflettere questi aspetti nel vino: «Qui diventa visibile come è stata l'annata, chi siamo noi, l'uva e io». Per questo motivo non realizza etichette tradizionali, ma scrive ciò che assaggia, ciò che il vino gli ricorda – e lo appone sulle bottiglie con una serigrafia. Christoph Edelbauer dimostra una sensibilità ammirevole per il prodotto vivo che è il vino. È così che riesce a realizzare creazioni uniche. Anno dopo anno.

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.