magazine-header
No. 30

Il bene è così vicino

«È così ovvio - eppure solo poco meno di un terzo degli Svizzeri beve regolarmente vino svizzero. È un peccato, perché ci sono così tanti produttori di vino entusiasmanti nel nostro paese. Siamo lieti di presentare Micha e Luca Davaz della Bündner Herrschaft in questo numero - e speriamo di potervi rendere appetibili molti altri talenti «della porta accanto» in futuro. Salute!»

Renzo Und Dominic@2x

Dominic Blaesi & Renzo Schweri

Fondatori

magazine-cover

«La Svizzera offre tutto ciò che la passione per il vino può desiderare.» – Micha Davaz

A due tempi per il vino grigionese

Chi da Maienfeld lascia spaziare lo sguardo sul Falknis, con gli occhi della mente può subito vedere Heidi e l'amico Peter vagare tra i boschi e i prati. La maestosità grigionese rappresenta la tipica cartolina della Svizzera. Tuttavia, proprio mentre si diffonde la noia, un crepitio spezza il silenzio. È un rimbombo ben noto e tuttavia piacevolmente eccitante... è il rumore di un motorino! Benvenuti dai fratelli Davaz a Fläsch. I due grigionesi vogliono risvegliare il palcoscenico vinicolo svizzero, un po' come un tempo, con i loro motorini, riportavano gli abitanti di Fläsch e Maienfeld dai loro sogni ad occhi aperti alla realtà. «Il nostro obiettivo è quello di produrre vini svizzeri innovativi e di altissima qualità e di avvicinarli a un pubblico il più ampio possibile», afferma Micha. Ha studiato economia aziendale a San Gallo e dal 2018 dirige l'enoteca di Salis. Suo fratello Luca è tecnologo del vino ed è responsabile della vinificazione dei vini propri. «Ci completiamo a meraviglia!», dicono entrambi e chi li vede insieme, ci crede subito. Tuttavia, i due ragazzi con il motorino ora non attirano più l'attenzione con rumore e cattivi odori ma, al contrario, con il buon vino. Dunque Gamaret e Pinot invece di Hercules e Pony. Ciò che non è cambiato è l'esuberanza giovanile, la voglia di provare qualcosa di nuovo e di estendere il proprio raggio d'azione.

L'immagine dei vini svizzeri è enormemente migliorata negli ultimi 15 anni. La nuova generazione può basarsi su questo e lo fa in modo giocoso e sicuro di sé. Tuttavia: solo circa un terzo delle svizzere tedesche e degli svizzeri tedeschi beve regolarmente vini autoctoni. La tendenza è comunque in crescita: «Soprattutto i giovani vogliono scoprire sempre più i vini regionali», afferma Micha Davaz. Chi cerca vini di carattere dal colore intenso e dalle seducenti dolcezze fruttate, non deve più rivolgersi al Sud Italia. Perché dunque spaziare lontano? La bontà è a distanza di motorino.

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

Vogliono reggere il confronto con la Borgogna

Non sono più solo i grigionesi ad essere fermamente convinti che, a parte la Borgogna, l'Herrschaft ha il miglior terreno per il Pinot Nero. «Se si considera il rapporto qualità-prezzo, siamo anche meglio della Borgogna», dice Micha Davaz con enfasi. Il segreto del successo sono i terreni gessosi e permeabili, che hanno un'alta percentuale di di ardesia. L'altro ingrediente importante è il clima ideale, caratterizzato da molto sole, il favonio e le enormi differenze di temperatura tra giorno e notte.

Micha e Luca - insieme alle loro quattro sorelle - sono cresciuti nel vigneto che il loro nonno ha fondato negli anni 70. Si trova tra Fläsch e Maienfeld, abbastanza lontano e in mezzo alle vigne. Un idillio? «Abbiamo dovuto dare una mano in giovane età, ma ci siamo anche divertiti a farlo. Per esempio, a 10 anni guidavo già il trattore su e giù per il vigneto. Più tardi, da adolescente, non sempre mi piaceva quando dovevo essere pronta presto il sabato mattina o durante le vacanze scolastiche», confessa Micha. Per quanto fosse noioso dover trottare fino alla vigna dopo essere usciti la sera. I due sono grati oggi per la ricca esperienza che hanno potuto fare. Hanno il Pinot Noir nel sangue e sono profondamente radicati con questo terreno unico. Dal 2016, von Salis vinifica singoli vigneti della Bündner Herrschaft - con grande successo. Nel 2018, per esempio, hanno vinto l'ambito Grand Prix du Vin Suisse nella indiscussa disciplina suprema Pinot Noir. Quindi i «Töfflibuebe» sono decisamente nella corsia di sorpasso!

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

L'estate può arrivare!

La vita è semplicemente bella nella stagione più calda dell'anno: così tante possibilità, così tante giornate. Un tuffo veloce in piscina dopo il lavoro, un bicchiere di vino sul balcone la sera, dimenticando il tempo. La vita si svolge fuori, espandiamo i nostri orizzonti, balliamo sotto le stelle, siamo aperti a nuovi incontri. Ecco i nostri sei consigli sul vino per un'estate piena di sete di vita!

magazine-header
Il rilassato

Cosa c'è di più rilassante che sedersi fuori la sera e guardare il sole svanire lentamente? Mentre lo fa, evoca uno spettacolo di colori nel cielo che ci ricorda questo bel rosé...

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Lo chef del barbecue

Gli argentini ci mostrano cosa significa la felicità: invitare più gente simpatica possibile, stappare un Malbec forte e sedersi insieme con cose deliziose dalla griglia fino a tarda notte.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Il romantico

Questo meraviglioso Chardonnay porta il fascino francese nella nostra estate. Si possono anche assaggiare le raffinate madeleine. Perfetto per un picnic romantico nel parco o un tête-à-tête sul balcone.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Lo scopritore

I fratelli Arturo e Kike di Rioja esplorano i confini della monotonia, per esempio con questo vino rosso giovane e fruttato. Si adatta a qualsiasi zaino da trekking e fornisce una buona porzione di Rioja'n'Roll.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
L’animatore della festa

Notti miti e prosecco frizzante - una combinazione di buon auspicio. Al bordo della piscina, sulla terrazza sul tetto, in giardino... l'atmosfera è esuberante. Come le bolle nel bicchiere, danziamo anche noi verso le stelle.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-header
Il colpo di freschezza

Non c'è niente di più rinfrescante di un bicchiere di Musgo. A parte una nuotata nel fiume dopo una partita di beach volley. Un'estate senza questo Verdejo fruttato? Sarebbe come passeggiare al lago senza gelato.

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

«Al di là del bianco e rosso»

I vini arancioni aprono nuovi mondi del gusto

Si trovano sempre più spesso nei wine bar e nei ristoranti gourmet: Orange Wines. Si potrebbero descrivere come vini bianchi che si comportano come vini rossi. Hanno gli aromi pungenti di un vino bianco, ma sono ricchi, opulenti e tannici come un vino rosso. Né pesce né carne, per così dire. Quindi è comprensibile che siamo inizialmente presi alla sprovvista da questo. Non lo conosciamo e non possiamo classificarlo. Ma vale la pena continuare a farlo, perché apre mondi di gusto completamente nuovi.

Quello che sembra un nuovo esperimento è molto probabilmente la forma più originale di vino. Il Vespaiolo di Contrà Soarda vuole riprendere questo fatto. Il suo nome «121 a.C.» si riferisce al primo vino d'annata sopravvissuto nella storia dell'umanità. Questa annata vinicola è diventata un mito nell'antica Roma: «La leggendaria annata 121 a.C. è qualcosa come la madre del vino», dice la giovane enologa Eleonora Gottardi, «quello a cui puntiamo con il nostro prodotto è un ritorno alle origini con la conoscenza di oggi». Così si rinuncia a tutto ciò che é ultramoderno come il controllo della temperatura o gli additivi di ogni tipo. Sei pronto a conoscere il vino in un modo completamente nuovo?

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.

magazine-cover

«Come un sorso di Sunrise Avenue!»

L'ultima uscita di Samu Haber è un vino

Potresti dire «no» se Samu Haber, il cantante dei Sunrise Avenue, ti offrisse una bottiglia di vino? Neanche noi! Ecco perché il furbo finlandese ci ha fatto emozionare recentemente con un vino. Prima che Samu facesse la sua svolta musicale con la sua band nel 2006, ha vissuto in Spagna per quattro anni. Lì ha avuto un periodo turbolento, ha fatto alcuni affari dubbiosi, ma ha anche scoperto il suo amore per i vini spagnoli. Quando gli si chiede cosa lo affascina del vino, dice nel suo modo malizioso: «Qualcuno ha mai avuto una grande idea bevendo latte?».

Quando il tour d'addio di Sunrise Avenue dovette essere rimandato a causa della pandemia, Samu non rimase inattivo. In primo luogo, ha scritto un'autobiografia in cui racconta storie brutalmente sincere sul suo passato, sugli alti e bassi della sua vita, sui suoi sogni, ma anche sulla depressione e il burnout. É stato dando uno sguardo indietro alla sua vita che ha avuto l'idea di fare il suo vino? Certamente non bevendo latte, come ora sappiamo... «Ho sognato di avere il mio vino per anni», dice Samu. Dice che il suo vino rosso si accompagna al canto, al ballo, è il compagno ideale per una cena con gli amici o per ore di conversazione sulla vita. «È perfetto per quel momento in cui qualcuno molto speciale ti stringe un po' troppo forte a lume di candela». Ok, Samu... siamo completamente convinti. Tanto più che il vino è di prima classe in termini di gusto. Ci accompagnerà nel futuro altrettanto fedelmente come «Fairytale Gone Bad» o «Hollywood Hills»!

wine-bottle

Siamo spiacenti, questo vino non è più disponibile.